Didàctica Nàutica

Sicurezza

Luci Di Navigazione

Il complesso delle luci di navigazione rappresenta il messaggio inequivocabile dell’orientamento della nave e dell’eventuale manovra che sta eseguendo.

Purtroppo, nel diporto, queste norme sembrano essere ampiamente ignorate, tanto che in oltre il 70% dei casi, l’istallazione delle luci di navigazione è errata. Le unità che si incrociano rischiano così di rilevare messaggi sbagliati ottenendo una cattiva interpretazione a ciò che realmente sta avvenendo, situazione che rischia di essere causa di incidenti.

Indispensabile, quindi, al fine di procedere a una corretta navigazione e con lo scopo di prevenire e evitare gli abbordi (le collisioni), è avere chiare le regolamentazioni sulla composizione e utilizzo delle luci di navigazione.

Il Regolamento Internazionale per la prevenzione degli abbordi in mare, è entrato in vigore nel 1977, ha suddiviso regole inerenti all’utilizzo delle strumentazioni luminose delle imbarcazioni.

Tale regolamento si applica a tutte le navi in alto mare e in tutte le acque con esse comunicanti, e comprende il trattamento dei seguenti punti:

  • Fanali e segnali distintivi delle navi
  • Precedenze di rotta
  • Segnali di soccorso
  • Segnali sonori di manovra e di nebbia

Facendo riferimento a navi in alto mare, il regolamento sull’utilizzo delle luci, è destinato a tutte le tipologie di unità. Usate come mezzo di trasporto, con cuscini d’aria, idrovolanti o che siano predisposte per navigazione in mare, fiumi, laghi, porti o vie di acqua interne che comunque comunichino con affluenti ad alto mare e accessibili alla navigazione marittima. Quindi, la classificazione dei fanali di navigazione, sono identificative di tutti i seguenti tipi di imbarcazioni:

  • Navi a propulsione meccanica
  • Navi a vela
  • Navi in navigazione – con abbrivio (in movimento) ; senza abbrivio (ferma)
  • Navi con manovrabilità limitata
  • Navi condizionate dal proprio pescaggio
  • Navi da pesca 

Le luci di navigazione sono suddivise principalmente in:

  1. Fanali di navigazione
  2. Fanali speciali
  3. Segnali diurni

I fanali di navigazione, definiscono luci utili per indicare il lato della nave e il suo movimento di navigazione. Devono rimanere quindi accesi su ogni imbarcazione con abbrivio, dal tramonto all’alba e in ogni condizione di visibilità. Questi fanali, sono schermati per settori di visibilità ben definiti, quali:

  • Fanale di testa d’albero: bianco, visibilità 225° centrato sull’asse di poppa-prua, rivolto verso prua, di utilizzo delle navi a motore. Posizionati 1 a prua, 1 sopra il ponte di comando e il secondo fanale verso poppa è più alto del primo di 4,5m.
  • Fanale di via/laterale: rosso a sinistra e verde a dritta, visibilità 112,5°, utilizzato da ogni nave. Posizionati lateralmente al ponte di comando
  • Fanale di coronamento: bianco, visibilità 135°, utilizzato da ogni nave.

Il fascio luminoso di tutti questi fanali, è posto in posizione parallela alla linea di galleggiamento.

I fanali speciali sono principalmente di due tipi:

  • Fanali di rimorchio: luce gialla, visibilità 135°
  • Fanali rossi, verdi e bianchi: utilizzati per situazioni speciali, possiedono una visibilità a 360°.

I segnali diurni, in corrispondenza dei fanali speciali notturni, sono tutti neri. Di forma a cono, rombo, cilindro e pallone. Possiedono una dimensione minima di 60 cm e sono mostrati in verticale, nel punto più idoneo.

Le caratteristiche funzionali delle luci di navigazione (loro posizionamento, luminosità, angolo di visibilità, qualità cromatica ecc…), sono rigorosamente descritte nel regolamento delle “Norme per evitare gli abbordi in mare” (REGOLAMENTO INTERNAZIONALE PER PREVENIRE GLI ABBORDI IN MARE – 1972, EMENDATO DALL'I.M.O. CON RISOLUZIONE A. 464 (XII) ADOTTATA IL 19 NOVEMBRE 1981) riportate integralmente alla pagina WEB www.universomare.com/colregIT 

Attenzione a sostituire, nei fanali di via, le tradizionali lampadine a incandescenza con le lampadine LED

Una tendenza in voga è quella di sostituire le normali lampadine a incandescenza con quelle a LED, con tutti i benefici del caso. Attenzione, però, che sostituire le tradizionali (omologate) lampadine a filamento verticale con quelle LED nei fanali di navigazione, introduce sovente gravi anomalie.